Logo Università degli Studi di Milano



 
 
Notizie  

Collaborazione didattica con il carcere di Bollate

La Convenzione tra il Provveditorato Regionale all’Amministrazione Penitenziaria ed il nostro Ateneo, stipulata nel 2015, prevede un sostegno agli studi universitari per i detenuti presso gli Istituti di Milano Bollate e Milano Opera, in vista dell’obiettivo primario di reinserimento sociale nel contesto civile. Tale Convenzione rende possibile anche altre aree di intervento, ossia la formazione dei dipendenti dell’Amministrazione Penitenziaria (personale di polizia penitenziaria, personale del comparto ministeri e dirigenti); attività formative (tirocini, master, attività finalizzate alla stesura di tesi di laurea) e di volontariato per studenti universitari presso le strutture penitenziarie, nell’ambito di progetti concordati tra Università e Amministrazione Penitenziaria; elaborazione di progetti di studio e di ricerca in ambito penitenziario, con l’eventuale coinvolgimento dei detenuti e del personale penitenziario; organizzazione di convegni, seminari, corsi di aggiornamento, di perfezionamento e di specializzazione.

A seguito di tale accordo, è cresciuto considerevolmente il numero di detenuti iscritti presso il nostro Ateneo, per lo più afferenti a corsi di laurea di tipo umanistico. Tuttavia, anche alcuni studenti detenuti sono iscritti a dei nostri Corsi di Laurea. Com’è possibile immaginare, un detenuto che decida di intraprendere lo studio universitario si trova a dover affrontare tutta una serie di problematiche tanto reali quanto limitanti (a meno che non sia sotto un regime di semilibertà), a causa dell’impossibilità di frequentare le lezioni, avere colloqui con i docenti ed accesso alla rete internet, reperire il materiale didattico e studiare in compagnia dei propri colleghi.

Pertanto, grazie alla preziosa collaborazione con alcuni membri di tutte le rappresentanze studentesche, è stato possibile organizzare un progetto di tutoraggio grazie al quale una coppia di nostri studenti segue un loro collega detenuto, passo dopo passo, aiutandolo a reperire i materiali didattici consigliati e resi disponibili dai docenti, illustrando le modalità degli esami e fornendo ‘preziosi’ consigli per il superamento degli stessi.

 

05 maggio 2017
Torna ad inizio pagina